Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 20 maggio 2010

Iscrizione Enpals per dipendenti da case da giuoco e da palestre

I soggetti che vanno iscritti all’enpals obbligatoriamente, sono sensibilmente aumentati a seguito dell’approvazione del DM 15 marzo 2005 che ha inserito tra gli assicurati, una serie di soggetti precedentemente esclusi dall’assicurazione, circolare Inps n. 66 del 18 maggio 2010.

Stiamo parlando di soggetti per i quali in passato era scontata l’iscrizione all’Inps ma che a seguito dell’intervento normativo hanno visto determinarsi l’obbligo di iscrizione all’Enpals.

Le categorie di cui trattasi sono le seguenti;
1. impiegati e operai dipendenti da casa da giuoco, sale scommesse, sale giochi, ippodromi, scuderie di cavalli da corsa e cinodromi, prestatori d’opera addetti ai totalizzatori o alal ricezione delle scommesse, presso gli ippodromi e cinodromi, nonché presso le sale da corsa e le agenzie ippiche;
2. impiegati, operai, istruttori e addetti agli impianti sportivi di qualsiasi genere, palestre, sale fitness, stadi, sferisteri, campi sportivi, autodromi.

Per i lavoratori di cui al punto 1), è intervenuto l’interpello del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali il quale ha stabilito che i lavoratori che prestano l’attività lavorativa in qualità di impiegati e operai dipendenti da case da giuoco e dalle sale di scommesse, devono essere ai fini previdenziali obbligatoriamente iscritti presso l’Enpals, sempre che l’attività della sale da gioco e delle sale scommesse sia esercitata in modo esclusivo dal datore di lavoro.

Ed è proprio questo il requisito che determina per il soggetto, il discrimine tr iscrizione all’inps o all’Enpals.

Questo perché qualora non vi fosse autonomia per l’attività esercitata, e quindi di fatto il lavoratore venisse impiegato anche in altra attività tipica dell’esercizio commerciale, in questo caso l’azienda sarebbe classificata ai fini previdenziali nel settore terziario e i dipendenti conseguentemente sarebbero assicurati presso l’Inps.

Tale condizione prescinde dal tipo di scommessa che si andrebbe a porre in essere.
Per i prestatori d’opera addetti ai totalizzatori o alla ricezione delle scommesse, gli stessi sono obbligatoriamente iscrivibili all’Enpals a prescindere dal tipo di rapporto di lavoro ( autonomo o subordinato), a condizione che l’attività venga resa presso ippodromi o cinodromi ovvero presso le sale da corsa e le agenzie ippiche.

Per i lavoratori addetti a impianti sportivi, vanno ricompresi gli impiegati, gli operai, gli istruttori e addetti agli impianti e circoli sportivi di qualsiasi genere, palestre, sale fitness, stadi sferisteri campi sportivi autodromi vanno iscritti obbligatoriamente all’Enpals.

Anche i dipendenti di palestre, sale fitness, impianti e circoli sportivi sono da ricomprendere tra i soggetti da iscrivere all’Enpals.

Un discorso a parte deve essere fatto per le palestre che svolgono attività estetica in via esclusiva o di recupero motorio continueranno ad essere inquadrate nel settore terziario o artigiano con obbligo di assicurazione all’inps dei propri dipendenti.

Per i titolari di impresa artigiana che svolgono le attività sopra indicate, viene mantenuta ferma l’obbligo di iscrizione contributiva presso l’Inps nella gestione speciale per l’assicurazione obbligatoria invalidità, vecchia e superstiti degli artigiani e dei loro familiari coadiuvanti.
Qualora l’impresa artigiana assuma anche dipendenti, questi dovranno essere iscritti ai fini pensionistici all’Inps o all’Enpals secondo i criteri sopra esposti e che vengono ripresi in toto dalla circolare in argomento.

Nessun commento: